Indice
Bibliografia
Chi siamo
Conferenze
Consulenza
Convegni
Corsi
Esperimenti
Metapedia
Pubblicazioni
Ricercatori
Storia
Link Ricercatori
Canale YouTube AISM-Metapsichica. Vedi video ultime conferenze!
S.O.S. TELEPATIA  -  BLOG DEL PRESIDENTE DI A.I.S.M.  -  DOTT.GIORGIO COZZI
LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA
Psichica - Scienza della Mente - Sito di Massimo Biondi e Giovanni Iannuzzo
PSYCHOMEDIA - Salute Mentale e Comunicazione - Il Primo Portale Italiano di Psichiatria  Psicologia  Psicoanalisi  Psicoterapia - On-line dal 25 Gennaio 1996
Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni


La Ricerca Psichica
Corso di parapsicologia


Dott.Felice Masi

A.I.S.M.  Associazione  Italiana  Scientifica  di  Metapsichica
Già Società Italiana di Metapsichica (S.I.M.) fondata a Roma il 26 maggio 1937 dai dottori
Emilio Servadio, Ferdinando Cazzamalli, Giovanni Schepis e Luigi Sanguineti. La parapsicologia (raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo.

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

ASSOCIATINewsArea-Riservata
HomeArchivio NewsArticoli NewsConferenzeRicercaMisteriSede-ROZZANO.MIBIBLIOTECA
RicercaRicerca AvanzataVersione stampabile
Ricercatori
Massimo Inardi (1927–1993)
Ricercatore : Inardi
Massimo Inardi (1927–1993)
Informazioni
Informazioni
Wikipedia

Massimo Inardi (Roma, 15 luglio 1927 – Bologna, 20 novembre 1993) è stato un personaggio televisivo, parapsicologo e medico italiano.

Parapsicologo e presidente dell'associazione denominata "Centro studi parapsicologici" di Bologna, dove svolgeva la professione di medico delle Ferrovie dello Stato, divenne famoso per aver vinto 48.300.000 lire (record assoluto del tempo) tra il 3 dicembre 1971 e il 26 gennaio 1972 nel corso di nove puntate del telequiz Rischiatutto condotto da Mike Bongiorno, al quale si era presentato come esperto di musica classica del XVIII e XIX secolo e sulla vita e le opere di Brahms.

Il particolare carisma e l'interesse per la parapsicologia resero il personaggio molto popolare contribuendo ai record di ascolti del programma televisivo. Ulteriore stupore suscitò il fatto che Inardi devolvesse la vincita di una puntata ad un bambino con problemi ai reni

L'estrema facilità con cui rispondeva a tutte le domande fece ipotizzare ad alcuni che Inardi fosse in grado di leggere nel pensiero di Mike Bongiorno. Per stornare anche questo dubbio, si arrivò a far leggere le domande su un foglio a Mike Bongiorno e le risposte su un altro foglio a Sabina Ciuffini.

A conclusione del ciclo del Rischiatutto, Inardi vinse anche la "superfinale" che fu organizzata il 10 giugno 1972 tra i nove campioni della trasmissione.

Grazie alla popolarità acquisita con la televisione, divenne un divulgatore dei temi riguardanti il paranormale e pubblicò alcune opere sul tema.

Sofferente di cuore, Inardi morì per un arresto cardiaco all'età di 66 anni mentre faceva rientro nella sua casa di Bologna.


 

 

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

Home
Home
Contatti
Contatti
Info
Info



diventa socio aism

Lingua
Server di Posta RISERVATO al direttivo di AISM associazione italiana scientifica di metapsichica
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

Sede legale: Via Domenichino, 12 - 20149 Milano c/o I.S.O.Srl Interventi Socio Organizzativi
 Sede operativa: via Garofani 21, 20089 Rozzano (MI) c/o Casa delle Associazioni

Incontri: tutti i lunedì dalle 15,00 alle 17,30

segreteria.aism@metapsichica.net 
TEL +39 3477223290  FAX +39 0293667105
design
e sviluppo by AISM
webmaster@metapsichica.net


Un ringraziamento particolare a Media10.it senza il cui supporto e contributo questo sito non avrebbe mai visto la luce.