Indice
Bibliografia
Chi siamo
Conferenze
Consulenza
Convegni
Corsi
Esperimenti
Metapedia
Pubblicazioni
Ricercatori
Storia
Link Ricercatori
Canale YouTube AISM-Metapsichica. Vedi video ultime conferenze!
S.O.S. TELEPATIA  -  BLOG DEL PRESIDENTE DI A.I.S.M.  -  DOTT.GIORGIO COZZI
LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA
Psichica - Scienza della Mente - Sito di Massimo Biondi e Giovanni Iannuzzo
PSYCHOMEDIA - Salute Mentale e Comunicazione - Il Primo Portale Italiano di Psichiatria  Psicologia  Psicoanalisi  Psicoterapia - On-line dal 25 Gennaio 1996
Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni


La Ricerca Psichica
Corso di parapsicologia


Dott.Felice Masi

A.I.S.M.  Associazione  Italiana  Scientifica  di  Metapsichica
Già Società Italiana di Metapsichica (S.I.M.) fondata a Roma il 26 maggio 1937 dai dottori
Emilio Servadio, Ferdinando Cazzamalli, Giovanni Schepis e Luigi Sanguineti. La parapsicologia (raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo.

ASSOCIATINewsArea-Riservata
HomeArchivio NewsArticoli NewsConferenzeRicercaMisteriSede-ROZZANO.MIBIBLIOTECA
RicercaRicerca AvanzataVersione stampabile
presentazione

Elio Silvestri, presentazione
Da: Fonte: http://www.danielabellotti.it/Elio_Silvestri.htm

"Strana" questa riscoperta, proposta dall'artista Elio Silvestri, di una pittura tutta gioia di vivere, tutta serena immersione nella luce e nel colore, così piacevolmente figurativa! Somiglia, in questo inverno del nostro XX secolo, ad un entusiastico abbandono alle delizie di una presagita, imminente primavera... somiglia ad una voglia ormai non più trattenibile di bellezza naturale, semplice, immediata; somiglia ad una fuga dalle tetraggini di una cultura ingrigita, smorta con le sue astruserie, i suoi seriosi rigori, le rincorse per definire sempre un 'nuovo' che subito invecchia e forse non è mai profondamente nuovo... e somiglia quest'ultima stagione pittorica di Silvestri a un grido, ma un grido liberatorio questa volta, un sonoro SI' alla vita. Pittura libera di dire le cose che piacciono, le cose del cuore, i momenti migliori, veri o sognati, non importa, ma vividi e verosimili. Così ci appaiono, verdeggianti come un'oasi che offre riposo alla mente e agli occhi, con questa mostra che per la vastità ha l'impegno di una rassegna antologica, quadri come "La visita", "Pic-nic alle Capannelle", o "Il the delle cinque", tutti degli anni Novanta. Ed è un'oasi popolata di giovani figure femminili, rassicuranti e familiari, a volte generosamente ma candidamente svestite, quotidiane e insieme vagheggiate, abitatrici di giardini e parchi dove non scarseggiano le fioriture, tra cappellini di paglia e seni maliziosi. Eppure... com'è 'strana', com'è apparentemente troppo facile, questa riscoperta di una pittura che si dichiara de-problematizzata, condotta stilisticamente attraverso le sfumature di stagioni pittoriche mitiche, esempi imprescindibili quando si toccano i tasti della immediatezza della visibilità, della intensità della luce e del colore, della vibrazione ottica delle forme. Non può sfuggire come il pittore riesca ad orchestrare, come in un arrangiamento moderno di arie notissime, pennellate che hanno freschezze impressioniste, eleganze nabis, elementi simbolisti, persino romanticismi bucolici, pur di non rinunciare all'effetto desiderato, al grande sogno.

Eppure, c'è probabilmente qualcosa di più profondo, di intimamente necessario in questa fase della sua vicenda artistica, che può essere individuata soltanto se si collocano questi lavori recenti dentro il percorso che l'artista ha fatto fin qui. Ed è un percorso significativo, che è bene tracciare nei suoi principali sviluppi, perchè tematicamente e concettualmente vi troveremo antecedenti importanti. Temi come la donna, l'erotismo, la trasgressione, la citazione... sono infatti ricorrenti e toccati in più riprese dall'artista con pregnanza di significati e interpretazioni non di rado coraggiose e provocatorie. Sarà possibile anche nella visione di questa mostra fare confronti, misurare le differenze tra varie 'temperature epocali', che in Silvestri sono evidentissime, e consentono di fruire di un ventaglio di situazioni e di rapporti.

L'esperienza di Elio Silvestri come creatore di immagini, si diceva, parte da lontano. Molti ricorderanno le campagne pubblicitarie a cartoni animati della "Organizzazione Pagot", quelle che entravano la sera nelle nostre case con Carosello (celeberrime alcune per la Mira Lanza, l'Agip, la Cinzano). Elio Silvestri giovane tarantino, giunto a Milano nel '50 per studiare all'Accademia di Brera, diviene dal '51 collaboratore alla "Pagot" con la qualifica di direttore di scenografia; comincia allora la sua sperimentazione attraverso le regole della comunicazione televisiva e cinematografica, legata al messaggio promozionale; da qui presto allarga la sua attività editoriale come illustratore di libri per ragazzi e di riviste. Ma è un successo che non lo appaga completamente. Tuttavia, alcuni aspetti del suo lavoro di grafico, come ad esempio l'importanza di un impatto visivo immediato e catalizzante, l'interpretazione libera, persino fantastica della figura e della narrazione, resteranno per Silvestri un patrimonio interiore, prima ancora che stilistico, di estrema importanza e, a tratti, emergente con evidenza in alcune fasi della sua ricerca. Dalla metà degli anni Cinquanta si fa per lui più pressante l'aspirazione a diventare artista, per così dire, 'puro'. Frequenta già da tempo gli ambienti artistici milanesi, che in quegli anni sono caratterizzati dalle vicende dello Spazialismo, dell'Arte Nucleare, poi dell'Informale; entra in contatto in particolare con Piero Manzoni, Lucio Fontana, Roberto Crippa. E arriva all'esordio artistico impregnato di quelle idee, forse più indotte che profondamente sentite; alla sua prima mostra personale, nel 1962 alla Galleria Pater di Milano, firma un astrattismo in cui segno e superficie non rinunciano a individuare forme, costruzioni, architetture, che pur in una enfatizzata precarietà e indefinibilità, pongono un ordine ritmico, una presenza fisica nello spazio. E' il suo modo di rispondere a quella situazione ampiamente avvertita, di ricerca di una nuova figurabilità che lentamente si fa strada, sulle ceneri dell'Informale. Un quadro come Cattedrali del 1960 è sintomatico di questo momento iniziale.

Sono poi gli anni Sessanta che, con il loro mutato clima artistico determinato dalla Pop Art americana, che esplode alla Biennale di Venezia del 1964, e che sigilla tutta un'epoca con il suo universo di icone desunte dal panorama consumistico, vengono incontro alle specificità più originali e autentiche di Silvestri. Recuperando tecniche e stilemi a lungo collaudati nel suo lavoro di cartellonista, disegnatore di fumetti e designer, egli può ora dar libero corso alla sua fantasia iconografica, non più al servizio di un messaggio commerciale, ma utilizzando quello stesso linguaggio, coloratissimo, efficacemente oggettuale, a tratti quasi iperreale, talvolta spregiudicatamente surreale, per raccontare il nuovo spirito dei tempi. Silvestri diventa Pop, un pop-artist aggressivo, soprattutto quando sceglie tematiche scottanti come la droga e la liberazione sessuale. Sarà per lui una lunga stagione, ben oltre il tramonto dell'epoca pop; e ciò testimonia quanto, al di là delle sintonie con le varie situazioni via via emergenti della cultura visiva contemporanea, egli abbia poi seguito un suo personale discorso. Ne scandiscono l'approfondimento, e la sempre più consapevole focalizzazione, opere come "LSD" del 1966, vero e proprio 'manifesto' generazionale, la serie "Woman Liberation Front" del 1970, e ancora, con un omaggio al poeta surrealista Andrè Breton, "Questa estate le rose sono blu" del 1972. In anni di scarsa fortuna per gli artisti-pittori, gli anni del Concettuale, dell'Arte Povera, Silvestri non abbandona la sua strada; insiste invece in un'accesa provocazione, assemblando iconografie contrastanti, caricandole spesso di significati erotici, a tratti più spiccatamente irrispettosi delle convenzioni, soprattutto laddove utilizza figure della pittura devozionale del passato. E' attraverso questa via che, precocemente, comincia a sperimentare sistematicamente la struttura della "citazione"; la donna contemporanea e talvolta la coppia, con gli elementi emblematici della seduzione come calze e reggicalze, stivali, ma anche corde e borchie, si ritrovano infatti in molte opere degli anni Settanta, imprevedibilmente associate a particolari di opere celeberrime della storia della pittura. Frammenti di capolavori rinascimentali, con il loro rigore prospettivo, il lucido linearismo, sono inizialmente prediletti dall'artista, che rifà il Cavaliere di Durer, le architetture di Crivelli, il San Sebastiano di Bellini con aggiunta di attributi incongrui. Come feticci, rivivendoli ogni volta con passione e spregiudicatezza, egli assume elementi della cultura alta e li fa incontrare, o scontrare, con elementi carichi di ben diverse valenze. I risultati estetici sono, non di rado, di notevole originalità; i significati, generalizzando, nell'ottica di una ribellione alle convenzioni e alle ipocrisie sociali, e di una interpretazione forte del modello. Successivamente, matura questo discorso citazionista nel corso degli anni Ottanta, e si assiste con più frequenza all'incontro-scontro di elementi diversi, ma desunti tutti dall'arte del passato, mentre si fanno più sotterranee, ma non scompaiono del tutto, le suggestioni erotiche. Opera fondamentale di questo periodo, in cui raggiunge una notevole maturità qualitativa, è "La Zattera" del 1987, dove si replica come su un palcoscenico la tragedia del naufragio della Medusa, soggetto del famosissimo dipinto di Théodore Géricault del 1819; qui però i flutti su cui perigliosamente galleggiano alla deriva i superstiti sono sostituiti da un mare astratto, il mare della pittura che trova come schermo invalicabile su cui cozzare, e forse lasciare un proprio dispettoso segno, le geometrie ortogonali di Theo Van Doesburg. Alimentata da una pittura figurativa, carica di pathos e stretta dai limiti già solcati dal rigore astrattista, la pittura ancora sopravvive, pare dire con questo quadro Elio Silvestri, che sulla zattera del suo mare metaforico, pone anche una donna: la modella di Courbet, la donna vista attraverso gli occhi della pittura realista.

Si diceva di come, in questa fase più matura, risultino affinate, ingentilite, assai meno provocatorie, le allusioni alla sfera erotica. Una lettura in questo senso si può fare anche della serie in cui è protagonista la figura di De Chirico, posto da Silvestri nel ruolo di attore di situazioni cariche di "metafisica" carnalità. Così in "De Chirico e le modelle", "De Chirico e il bagno turco" e ancora "De Chirico e l'Odalisca", il grande pittore, maestro ante-litteram della rivisitazione in pittura, viene collocato con una sorta di proiezione virtuale nello stesso spazio delle opulente creature di Ingres, simbolo tra altri simboli; l'artista diventa opera mentre l'opera si sdoppia, si moltiplica in un gioco di specchi che ne metamorfizza un poco le sembianze, ne addomestica il mistero.

Da qui, da questa dimestichezza con il mito e la demitizzazione della donna, dell'arte, dei ruoli consacrati della cultura Elio Silvestri trova l'energia ottimistica che sprigiona nella sua pittura più recente, tra le cui trame si intravvedono, ora possiamo coglierli, accenti oseè, quella lingerie che scopre i seni, quella improbabile donna nuda a una familiare merenda all'aperto... e poi ancora strutture compositive collaudatissime (da Silvestro Lega a Seurat) su cui egli dispone attori diversi, scenografie su cui muovere, comporre, scomporre e raccontare.

Elio Silvestri nasce a Castellaneta (Taranto) nel 1932. Si trasferisce a Milano nel '50, dove studia scenografia all'Accademia di Brera. Dopo la giovanile attività come grafico e scenografo, esordisce come pittore nel '62. Da allora, pur continuando a interessarsi anche al design e all'illustrazione, non abbandona più la pittura. Si occupa dei rapporti tra creatività e medicina alternativa, con particolare attenzione alla sensitività e alle potenzialità creative connesse agli stati alterati di coscienza. Per l'approfondimento di queste ricerche ha compiuto viaggi in India e Israele. Dall'89 insegna Scenografia all'Istituto Europeo di design di Milano. Vive e lavora a Milano.


 

 

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

Home
Home
Contatti
Contatti
Info
Info



diventa socio aism

Lingua
News Conferenze
Programma Conferenze AISM Rozzano Primavera 2019
La Rivista
Disponibile la nuova edizione della rivista Metapsichica Anno 2018 - Vol. 51
News Articoli
VIAGGIO NELLA MEMORIA
di Giorgio Cozzi
UNA NUOVA VIA PER LA RICERCA PSICHICA
di Giorgio Cozzi
E SE IL NOSTRO UNIVERSO FOSSE SOLO UNO DEI TANTI?
di Sergio Ragaini
LA POTENZA DELLA PREGHIERA SULLA SALUTE
di Elena Greggia
COSMOS
di Giorgio Cozzi
I SEGRETI DELLA GRANDE PIRAMIDE
di Giorgio Cozzi
GLI INFINITI SPAZI DELLA MENTE
di Giorgio Cozzi
UNO, CENTOMILA E OLTRE
di Giorgio Cozzi
E SE TUTTO FOSSE GIÀ SUCCESSO?
di Giorgio Cozzi
I ROBOT LEGGONO NEL PENSIERO?
di Giorgio Cozzi
Server di Posta RISERVATO al direttivo di AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

Sede legale: Via Domenichino, 12 - 20149 Milano c/o I.S.O.Srl Interventi Socio Organizzativi
 Sede operativa: via Garofani 21, 20089 Rozzano (MI) c/o Casa delle Associazioni

Incontri: tutti i lunedì dalle 15,00 alle 17,30

segreteria.aism@metapsichica.net 
TEL +39 3477223290  FAX +39 0293667105
design
e sviluppo by AISM
webmaster@metapsichica.net


Un ringraziamento particolare a Media10.it senza il cui supporto e contributo questo sito non avrebbe mai visto la luce.