Indice
Bibliografia
Chi siamo
Conferenze
Consulenza
Convegni
Corsi
Esperimenti
Metapedia
Pubblicazioni
Ricercatori
Storia
Link Ricercatori
Canale YouTube AISM-Metapsichica. Vedi video ultime conferenze!
S.O.S. TELEPATIA  -  BLOG DEL PRESIDENTE DI A.I.S.M.  -  DOTT.GIORGIO COZZI
LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA
Psichica - Scienza della Mente - Sito di Massimo Biondi e Giovanni Iannuzzo
PSYCHOMEDIA - Salute Mentale e Comunicazione - Il Primo Portale Italiano di Psichiatria  Psicologia  Psicoanalisi  Psicoterapia - On-line dal 25 Gennaio 1996
Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni


La Ricerca Psichica
Corso di parapsicologia


Dott.Felice Masi

A.I.S.M.  Associazione  Italiana  Scientifica  di  Metapsichica
Già Società Italiana di Metapsichica (S.I.M.) fondata a Roma il 26 maggio 1937 dai dottori
Emilio Servadio, Ferdinando Cazzamalli, Giovanni Schepis e Luigi Sanguineti. La parapsicologia (raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo.

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

ASSOCIATINewsArea-Riservata
HomeArchivio NewsArticoli NewsConferenzeRicercaMisteriSede-ROZZANO.MIBIBLIOTECA
RicercaRicerca AvanzataVersione stampabile
di Giorgio Cozzi

 

LA COSCIENZA... ALLARGATA

Uno, centomila e oltre

Proviamo ad affrontatre alcuni quesiti che oggi si pone anche la scienza: la coscienza è un’emergenza del cervello? Si è venuta formando attraverso l’evoluzione? Ed esiste una mente universale?

di Giorgio Cozzi

Il dibattito scientifico sulla coscienza è ampissimo e multiforme. Il tema incrocia valori, credenze, filosofie, approcci epistemologici e trova miriadi di correnti di pensiero. maxresdefault.000Spesso si parla di riduzionisti, che tendono appunto a considerare la coscienza come un epifenomeno materiale derivante dalle funzioni sviluppate nel cervello; e di antiriduzionisti che sostengono un’indipendenza della coscienza dal cervello e dal corpo.
Alcune correnti di pensiero cercano da anni di considerare il rapporto tra mente e corpo come un continuum, altri considerano che esiste solo una realtà che comprende entrambi, mentre gli studi recenti sul cervello imbrogliano le carte perché possono determinare visioni contrapposte.

La coscienza è dentro o fuori di noi?
La coscienza è un’emergenza del cervello? Si è venuta formando attraverso l’evoluzione? Dove si trova la coscienza se la cerchiamo nel cervello? La “pappa di neuroni” che alberga nel cervello in che modo è responsabile della coscienza o, come si tende a dire oggi, della mente che ne rappresenta la manifestazione?
Cervello_Brain_Iniative_Allen_Istitute_Atlas_neurone_salute_connessione_rete_neurale_DNA_topo_.800x500_c(1)Anche se la Risonanza Magnetica Funzionale e la PET (Positron Emission Tomography), oltre alla magnetoelettroencefalografia, consentono di conoscere quali parti del cervello vengono attivate nei diversi stati di coscienza, tuttavia l’esperienza soggettiva non è in alcun modo localizzabile.
Da questa considerazione partono diversi spunti teorici, arricchiti dalla meccanica quantistica, che presenta realtà ben diverse da quelle conosciute nella fisica classica e peraltro altrettanto ben dimostrate in laboratorio e nelle ricerche scientifiche. In particolare certi eventi sono determinabili e riconoscibili solo quando l’osservatore compie l’atto di osservare l’evento stesso, in un certo senso rappresentando la coscienza di ciò che c’è in quel momento nel suo campo di conoscenza, come del resto avviene in qualunque fenomeno umano. Infatti quando si ha coscienza di qualcosa, esterno o interno, si realizza un atto di osservazione soggettivo, valido nel “qui e ora” di quel rapporto tra osservatore ed osservato.

Telepatia o entanglement?
Nel campo dei fenomeni anomali, come quelli paranormali, ciò che sembra avvenire ricalca fedelmente questo processo. Banalmente, se si pensa ad una persona che è tempo che non vediamo e non c’è ragione perché si faccia viva in quel momento e dopo pochi secondi la persona chiama, diventa difficile spiegare tutto con il caso e la coincidenza.

particles-entangled

Il fenomeno dell’entanglement potrebbe spiegare la telepatia.

Sembra più congruente pensare ad un tipo di rapporto che si è realizzato, anche se al di fuori delle normali sensorialità, come se due menti – per qualche ragione specifica – per un attimo si fossero interconnesse attraverso canali o modi per adesso sconosciuti.
Un’interpretazione di questo tipo diventa più attendibile se allo stesso soggetto accadono ripetutamente fenomeni di questo genere: ecco allora che non si tratta di un evento spot, bensì di un ricorso frequente a coincidenze troppo significative per essere liquidate con superficialità. Se le persone mettessero più attenzione a questi accadimenti, potrebbero scoprire che la cosa non è così casuale, anzi che ha una ricorsività quanto meno sospetta.
Sappiamo che l’entanglement, indicato come una possibilità delle particelle di essere in connessione tra di loro, potrebbe essere una valida spiegazione. Quindi potremmo allargare il discorso alla coscienza, la quale ogni tanto entrerebbe in connessione con altre coscienze con modalità similari, sfruttando risonanze energetiche comuni. Proseguendo nella riflessione possiamo giungere a considerare che se qualche volta capita per qualcuno, teoricamente può capitare spesso per molti, anzi potrebbe essere la condizione normale, solo che noi, esseri umani, non lo sappiamo.

salute_mentale

Uno degli enigmatici uomini con la bombetta di René Magritte.

Le pratiche che rendono la mente o la coscienza più sottile, in fondo lavorano su questo: acquisire maggiore consapevolezza di sé, distacco dall’io, apertura di canali verso l’alto, ascolto degli stimoli o messaggi che arrivano sia dall’interno che dall’esterno. E’ un po’ come se la mente si espandesse al di là del nostro corpo o come se risuonasse non solo delle informazioni acquisite, bensì di quelle presenti in altre menti (telepatia docet). Se la mente si espande e se la non località della mente (coscienza) sono ormai dimostrate nei laboratori e nelle sperimentazioni scientifiche (OOBE, NDE, ecc.), allora si può cominciare a pensare a ciò che sostiene il filosofo e fisico Margenau: esiste una mente universale.
Rupert Sheldrake ha sottolineato che le ricerche conducono a pensare ad una “mente estesa”, non confinata nel cervello, bensì allargata e in contatto con altre menti o altre fonti di informazione. Margenau si spinge ancora più avanti e suppone, anzi è convinto che le menti siano una parte indivisibile della Mente Uno, unica, che si sostanzia nelle differenze locali per le interferenze che la connessione subisce, ma che di fatto anche nel singolo individuo sarebbe essa stessa ad operare. Puzzles_-_Windows_7_Backgrounds-300x225Jung indicava nell’inconscio collettivo il punto di riferimento di tutte le esperienze vissute dagli esseri umani e quindi una fonte di memoria globale dell’umanità; siamo ancora di fronte al concetto di unicità della mente.
Esistono molte teorie contrapposte su questa tematica, tuttavia possiamo anche riconoscere che alcuni ricercatori e pensatori di altissimo livello tendono a considerare la Mente Universale come una realtà comprovata dai fatti e tra questi sicuramente una parte la gioca, anche, la Ricerca Psichica.

 
 


 

 

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

Home
Home
Contatti
Contatti
Info
Info



diventa socio aism

Lingua
News Convegni
Ricerca psichica: una scienza di frontiera
Bologna, 1° Dicembre 2018
News Conferenze
Conferenza 23 novembre 2018
IL BISOGNO DI PENSARE NEL GIOCO COSMICO DELL'UOMO
La Rivista
Rivista Metapsichica 2016-2017
Disponibile la nuova edizione della rivista Metapsichica Anno 2016-2017 - Vol. 50
News Articoli
VIAGGIO NELLA MEMORIA
di Giorgio Cozzi
UNA NUOVA VIA PER LA RICERCA PSICHICA
di Giorgio Cozzi
E SE IL NOSTRO UNIVERSO FOSSE SOLO UNO DEI TANTI?
di Sergio Ragaini
LA POTENZA DELLA PREGHIERA SULLA SALUTE
di Elena Greggia
COSMOS
di Giorgio Cozzi
I SEGRETI DELLA GRANDE PIRAMIDE
di Giorgio Cozzi
GLI INFINITI SPAZI DELLA MENTE
di Giorgio Cozzi
UNO, CENTOMILA E OLTRE
di Giorgio Cozzi
E SE TUTTO FOSSE GIÀ SUCCESSO?
di Giorgio Cozzi
I ROBOT LEGGONO NEL PENSIERO?
di Giorgio Cozzi
LA MENTE PUÒ INFLUIRE SULLA MATERIA?
di Giorgio Cozzi
L’UOMO A TRE VELOCITÀ
di Giorgio Cozzi
LA INFOVISIONE
di Giorgio Cozzi
DIALOGO IMPROBABILE CON MARCO MARGNELLI
di Patrizia Gioia
DUE GRANDI DELLA PSICOLOGIA TRANSPERSONALE: GROF E ROQUET
di Bruno Severi
MATERIALIZZAZIONI DI CORPI SPIRITUALI.
di Salvatore Capo
POLTERGEIST: IL RITORNO DEI GHOSTBUSTERS
di Giorgio Cozzi
TELEPATIA: LE SPIEGAZIONI SCIENTIFICHE
di Sergio Ragaini
TELEPATIA PER DUE
di Giorgio Cozzi
NUOVI ORIZZONTI PER CIECHI O IPOVEDENTI. LA MENTE PERCETTIVA
di Elena Greggia
Server di Posta RISERVATO al direttivo di AISM associazione italiana scientifica di metapsichica
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

Sede legale: Via Domenichino, 12 - 20149 Milano c/o I.S.O.Srl Interventi Socio Organizzativi
 Sede operativa: via Garofani 21, 20089 Rozzano (MI) c/o Casa delle Associazioni

Incontri: tutti i lunedì dalle 15,00 alle 17,30

segreteria.aism@metapsichica.net 
TEL +39 3477223290  FAX +39 0293667105
design
e sviluppo by AISM
webmaster@metapsichica.net


Un ringraziamento particolare a Media10.it senza il cui supporto e contributo questo sito non avrebbe mai visto la luce.