Indice
Bibliografia
Chi siamo
Conferenze
Consulenza
Convegni
Corsi
Esperimenti
Metapedia
Pubblicazioni
Ricercatori
Storia
Link Ricercatori
Canale YouTube AISM-Metapsichica. Vedi video ultime conferenze!
S.O.S. TELEPATIA  -  BLOG DEL PRESIDENTE DI A.I.S.M.  -  DOTT.GIORGIO COZZI
LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA
Psichica - Scienza della Mente - Sito di Massimo Biondi e Giovanni Iannuzzo
PSYCHOMEDIA - Salute Mentale e Comunicazione - Il Primo Portale Italiano di Psichiatria  Psicologia  Psicoanalisi  Psicoterapia - On-line dal 25 Gennaio 1996
Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni


La Ricerca Psichica
Corso di parapsicologia


Dott.Felice Masi

A.I.S.M.  Associazione  Italiana  Scientifica  di  Metapsichica
Già Società Italiana di Metapsichica (S.I.M.) fondata a Roma il 26 maggio 1937 dai dottori
Emilio Servadio, Ferdinando Cazzamalli, Giovanni Schepis e Luigi Sanguineti. La parapsicologia (raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo.

ASSOCIATINewsArea-Riservata
HomeArchivio NewsArticoli NewsConferenzeRicercaMisteriSede-ROZZANO.MIBIBLIOTECA
RicercaRicerca AvanzataVersione stampabile
Metapsichica 1996

 

Summary:
The emergence of a new existential philosophy.

It’s growing a social phenomenon of great significance destined to symbolize the trend which will characterize the years to come: A great thought’s movement caracterized by a strong tendency to conscience’s growth, to the dilation of the human faculties bridled by the false dogmas of scientist positivism, to the self’s realization. It’s a counter culture which opposes that one, now worn, of modernity.
It’s a new existential philosophy which refuses the mechanicistic, the deterministic and the analytic epistemology that is based on objectivity’s simulacrum, and, on the contrary, which favours the dimensions of emotion and of intuition instead of rationality.
 
 

C’è un fenomeno sociale di grande portata che sta prendendo forma sotto i nostri occhi. Anche se ancora allo stato nascente è probabile che sia destinato a rappresentare il trend che più caratterizzerà gli anni a venire. Forse addirittura una sorta di riverbero del prossimo millennio in questo scorcio di secolo. Eppure è un fenomeno di cui siamo spettatori largamente inconsapevoli. Perché siamo portati a considerare separatamente le singole manifestazioni. E queste appaiono, sovente, di interesse circo-scritto o scarsamente rilevanti. Appare difficile trovare delle connessioni tra il vegetarianismo e lo Zen, il training autogeno e la macrobiotica, la medi-cina omeopatica e la danza kundalini, lo shatzu e le arti marziali, lo yoga e la pranoterapia, l’astrologia e le nuove sette religiose.
Magari condividiamo, o predichiamo, alcune di queste manifestazioni. Altre invece, che ho accomunato a queste, ci fanno sorridere o, al limite, le condanniamo severamente. Sembrerebbe non esistere un tessuto connet-tivo in episodi tanto eterogenei. Se proprio siamo costretti a cercarlo è probabile che lo si liquidi alla stregua di manifestazioni di folklore, come espressione delle mode che importiamo dalla West Coast americana. O come anticipazione dei fenomeni millenaristici di irrazionalità che caratteriz-zeranno la fine del secolo.
La ricerca, invece, di un possibile filo rosso si rivela eccezionalmente promettente. E se, per un istante, riusciamo a disfarci dei pregiudizi e dei condizionamenti, possiamo veder prendere corpo un’affascinante inter-pretazione soft del post moderno. Il comune denominatore è una forte tensione allo sviluppo della coscienza, alla dilatazione delle facoltà umane imbrigliate dai falsi dogmi di un positivismo scientista, alla pia realizzazione del sé.
Al di sotto della varietà delle manifestazioni emerge, sia pure con contorni ancora sfumati, una controcultura che si contrappone a quella, ormai logora, della modernità. Prende consistenza un nuovo modo di concepire il benessere che trascende il tradizionale concetto di salute. La salute in queste concezioni non può che essere olistica: il rapporto del proprio corpo non è soltanto con la mente ma con la globalità del cosmo. Non solo la natura ma la stessa materia non è inerte, vibra di onde elettro-magnetiche e fa parte di noi. Troviamo in realtà, in questa apparente assi-milazione di episodi eterogenei, una stessa struttura latente: il prevalere dell’intuizione sulla ragione, delle emozioni sulla razionalità, di yin su yang, dell’emisfero destro del cervello su quello sinistro, della nostra componente femminile su quella maschile. La rivalutazione di paradigmi diversi del sapere e di prassi quotidiane elaborate in Oriente, la stessa valorizzazione delle religioni indù e buddista rientrano a pieno titolo nella stessa matrice. Ma anche il superamento di un concetto restrittivo di scienza e tecnica, il rifiuto di un’epistemologia meccanicistica, deterministica e analitica, fondata sul simulacro dell’oggettività. Eppure non vi è alcun atteggiamento pregiu-dizialmente antitecnologico. Ne è la riprova che le nuove «autostrade informatiche» rappresentano un canale per eccellenza per la trasmissione di questa cultura.
È un grande movimento quello che sta nascendo. Si potrebbe obiet-tare che molti degli episodi ricordati hanno un cuore e pratiche antiche. La differenza è però che un tempo erano appannaggio di ristrette élite. Oggi hanno una diffusione di massa. I cultori di queste non sempre sono coscienti della reale natura e dell’ampiezza del fenomeno che stanno alimentando. Ma sono gli antesignani di una nuova filosofia esistenziale, di nuove prassi sociali e individuali. Che poi si chiami questa New Age o Età dell’Acquario o simili non ha importanza. Sembrerebbe che al declino dell’impegno politico tradizionale, dei grandi movimenti collettivi e delle ideologie stia subentrando una molteplicità di inediti e intimisti percorsi di emancipazione. Che potrebbero anche trasformarsi in una dirompente massa d’urto.



 

 

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

Home
Home
Contatti
Contatti
Info
Info



diventa socio aism

Lingua
News Conferenze
Programma Conferenze AISM Rozzano Primavera 2019
La Rivista
Disponibile la nuova edizione della rivista Metapsichica Anno 2018 - Vol. 51
News Articoli
VIAGGIO NELLA MEMORIA
di Giorgio Cozzi
UNA NUOVA VIA PER LA RICERCA PSICHICA
di Giorgio Cozzi
E SE IL NOSTRO UNIVERSO FOSSE SOLO UNO DEI TANTI?
di Sergio Ragaini
LA POTENZA DELLA PREGHIERA SULLA SALUTE
di Elena Greggia
COSMOS
di Giorgio Cozzi
I SEGRETI DELLA GRANDE PIRAMIDE
di Giorgio Cozzi
GLI INFINITI SPAZI DELLA MENTE
di Giorgio Cozzi
UNO, CENTOMILA E OLTRE
di Giorgio Cozzi
E SE TUTTO FOSSE GIÀ SUCCESSO?
di Giorgio Cozzi
I ROBOT LEGGONO NEL PENSIERO?
di Giorgio Cozzi
LA MENTE PUÒ INFLUIRE SULLA MATERIA?
di Giorgio Cozzi
L’UOMO A TRE VELOCITÀ
di Giorgio Cozzi
LA INFOVISIONE
di Giorgio Cozzi
DIALOGO IMPROBABILE CON MARCO MARGNELLI
di Patrizia Gioia
DUE GRANDI DELLA PSICOLOGIA TRANSPERSONALE: GROF E ROQUET
di Bruno Severi
MATERIALIZZAZIONI DI CORPI SPIRITUALI.
di Salvatore Capo
POLTERGEIST: IL RITORNO DEI GHOSTBUSTERS
di Giorgio Cozzi
TELEPATIA: LE SPIEGAZIONI SCIENTIFICHE
di Sergio Ragaini
TELEPATIA PER DUE
di Giorgio Cozzi
NUOVI ORIZZONTI PER CIECHI O IPOVEDENTI. LA MENTE PERCETTIVA
di Elena Greggia
Server di Posta RISERVATO al direttivo di AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

Sede legale: Via Domenichino, 12 - 20149 Milano c/o I.S.O.Srl Interventi Socio Organizzativi
 Sede operativa: via Garofani 21, 20089 Rozzano (MI) c/o Casa delle Associazioni

Incontri: tutti i lunedì dalle 15,00 alle 17,30

segreteria.aism@metapsichica.net 
TEL +39 3477223290  FAX +39 0293667105
design
e sviluppo by AISM
webmaster@metapsichica.net


Un ringraziamento particolare a Media10.it senza il cui supporto e contributo questo sito non avrebbe mai visto la luce.