Indice
Bibliografia
Chi siamo
Conferenze
Consulenza
Convegni
Corsi
Esperimenti
Metapedia
Pubblicazioni
Ricercatori
Storia
Link Ricercatori
Canale YouTube AISM-Metapsichica. Vedi video ultime conferenze!
S.O.S. TELEPATIA  -  BLOG DEL PRESIDENTE DI A.I.S.M.  -  DOTT.GIORGIO COZZI
LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA
Psichica - Scienza della Mente - Sito di Massimo Biondi e Giovanni Iannuzzo
PSYCHOMEDIA - Salute Mentale e Comunicazione - Il Primo Portale Italiano di Psichiatria  Psicologia  Psicoanalisi  Psicoterapia - On-line dal 25 Gennaio 1996
Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni


La Ricerca Psichica
Corso di parapsicologia


Dott.Felice Masi

A.I.S.M.  Associazione  Italiana  Scientifica  di  Metapsichica
Già Società Italiana di Metapsichica (S.I.M.) fondata a Roma il 26 maggio 1937 dai dottori
Emilio Servadio, Ferdinando Cazzamalli, Giovanni Schepis e Luigi Sanguineti. La parapsicologia (raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo.

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

ASSOCIATINewsArea-Riservata
HomeArchivio NewsArticoli NewsConferenzeRicercaMisteriSede-ROZZANO.MIBIBLIOTECA
RicercaRicerca AvanzataVersione stampabile
di Giorgio Cozzi

MEMORIA E POTENZIALITÀ DELLA MENTE

Viaggio nella memoria

Vi sono individui dotati di una memoria prodigiosa: ma questa è un bagaglio di pochi o può essere sviluppata da tutti con tecniche specifiche? Le ricerche scientifiche più avanzate per capire come lavora il cervello

memoria emotiva“Quando si dice memoria, si pensa a Pico della Mirandola. E si crede alla fortuna, che gli aveva regalato un cervello speciale. E si sbaglia, perché Pico sarà anche stato particolarmente dotato, ma usava una precisa tecnica per ricordare”. Queste le parole di Pierluigi Odifreddi nella prefazione del libro La memoria emotivadel mnemonista Gianni Golfera, capace di temere a memoria la bellezza di 261 libri e di saper ricordare ogni parola in qualunque ordine.
Sembra una magia o un talento fuori del comune che solo pochi eletti posseggono. In effetti memorie eccezionali non sono così diffuse, tanto è vero che si tende ad evidenziare singoli casi di personaggi che hanno segnato la storia, a cui oggi si aggiunge, appunto, Golfera. Il suo caso è singolare in quanto padre e nonno avevano doti eccezionali di memoria, il che fa supporre una qualche modalità genetica responsabile dei risultati da lui prodotti. In realtà il contesto famigliare è stato lo stimolo che l’ha spronato ad approfondire le tecniche mentali sino ad approdare a Giordano Bruno, che aveva elaborato un metodo per sviluppare la memoria. Golfera ha copiato il modello, l’ha sperimentato con successo e poi l’ha rivisitato per renderlo più semplice e applicabile, diventando un istruttore di tecniche mentali per potenziare la memoria.
golferasanraffaele002Studiato al San Raffaele prima dal prof. Antonio Malgaroli (a sinistra nella foto con Golfera) e poi dall’équipe del neurologo e neuroscienziato Stefano Cappa (che affidò i test su Gianni alla neuropsicologa Paola Ortelli), Golfera ha dato prove oggettive delle sue facoltà anche davanti ad un grande pubblico. Manuela Pompas – che l’ha a suo tempo intervistato e organizzato una serie di esperimenti insieme a degli esperti, riferisce di esperienze paranormali cospicue, quali la visione della nonna deceduta, apporti, materializzazioni, visione a distanza, insomma una fenomenologia ampia che fa pensare a doti ESP di rilievo.

I vari metodi di immagazzinamento
Tuttavia, come detto, le performance mnemoniche non sono direttamente legate a talenti specifici, che probabilmente pur ci sono, bensì a tecniche di memorizzazione apprese ed applicate con costanza. Questo è un campo dove si sono avvicendate diverse figure che proponevano metodi di “immagazzinamento” dei dati utili a favorire il ricordo e soprattutto al loro ritrovamento nella coscienza.
Ricordo tra gli altri il metodo Borg che ho personalmente seguito e che mi ha permesso di sviluppare una buona memorizzazione dei dati, purché mi ci dedicassi con costanza. Per un certo tempo ho anche tenuto corsi, insieme con il dr. Alberto Sprega, soprattutto per medici (sponsorizzato da Bayer) in cui in poche ore ottenevamo risultati eccellenti di memorizzazione di informazioni generiche.

cozzi

Milano. Giorgio Cozzi, sociologo, ricercatore, fondatore dell’ISO.

Ricordo che dopo tre sabati passati a formare i medici avevo in mente 250 nomi casuali che erano l’oggetto di un esercizio praticato in aula e potevo dirli sia in sequenza o all’incontrario o ricordare la posizione relativa di ognuno.
Rispetto ai mnemonisti come Golfera è ben poca cosa, tuttavia dimostra che utilizzare il cervello (la mente) secondo un metodo in modo sistematico si potenziano le sue capacità. Il trucco è basato sull’attenzione e sul lavoro di associazione tra il dato da ricordare e il senso emotivo che gli si vuole assegnare per renderlo appunto memorabile.
Cicerone diceva che parlava a braccio nelle sue orazioni in Senato, ma preparava il discorso appendendo cappelli virtuali sulle statue che conducevano al Senato, così quando arrivava il discorso era già formulato nella sua mente secondo una sequenza precisa. Quindi un luogo dove mettere il dato e un accoppiamento emotivo significativo.

Due organi responsabili della memoria

Il Prof. Malgaroli faceva riferimento a due organi del cervello responsabili della memoria: l’amigdala per i contenuti emotivi e l’ippocampo per la parola, lavorando la prima nell’inconscio e il secondo sulla conoscenza razionale.
Oggi, grazie alle ricerche più recenti sul cervello, con la Risonanza Magnetica Funzionale, la PET, il Neuroimaging, si arriva a conoscere qualcosa di più sui processi sottesi alla memoria e al suo funzionamento. Ad esempio gli studi condotti sulle fasi iniziali dell’Alzheimer da Susumu Tonegawa dimostrano che la perdita di memoria non è dovuta a problemi di codifica della traccia mnestica (engramma), bensì dall’incapacità di richiamare quel dato. Con la tecnica dell’optogenetica ha scoperto che la riduzione delle sinapsi in una parte dell’ippocampo produce amnesia e riattivandole si ripresentano i ricordi, sebbene esistano interferenze dovute alla difficoltà di discriminare fra cellule che codificano i diversi ricordi.

PET_Alzheimer

Un’immagine del cervello ottenuta con la PET.

È evidente che le tecniche mentali favoriscono invece un legame tra parola e emozione che permette di rintracciare nella memoria le informazioni stivate. Neuroscienziati del Bard College di New York e dell’Università di Cambridge hanno evidenziato come l’allontanamento dei ricordi di eventi passati produce la contemporanea perdita di memoria di altri fatti vicini nel tempo, quindi voler dimenticare episodi della vita può avere successo, ma trascina anche altre esperienze che vengono perse dalla coscienza. Con la Risonanza magnetica hanno inoltre dimostrato che l’amnesia era correlata con una ridotta attività dell’ippocampo e della corteccia prefrontale anteriore.
Altri ricercatori hanno confermato che la memoria rievocativa è funzione della dimensione di parti precise dell’ippocampo. Proppenk con le tecniche di Neuroimaging su soggetti sani ha dimostrato che la parte posteriore dell’ippocampo più sviluppata (rispetto soprattutto alla parte anteriore) favorisce la memoria, come se fosse un muscolo ben allenato e dunque ingrossato: il che fa pensare che le tecniche mnemoniche altro non fanno che stimolare continuamente quella parte del cervello che tenderà a rinforzarsi e a dare prestazioni più elevate.

Memoria e neuroscienze
I ricercatori hanno anche rilevato che uno stimolo viene codificato da un certo gruppo di neuroni e che stimoli successivi a breve distanza di tempo attivano gli stessi neuroni; quindi una sequenza di stimoli può essere richiamata più facilmente quando sono stati indotti in tempi brevi, mentre stimoli a distanze più ampie devono comunque attivare gruppi di neuroni diversi. Anche qui la riflessione può essere che quando amigdala e ippocampo ricevono input sensoriali legati fra loro (un ricordo tira l’altro) viene facilitata la rievocazione.
cervelloLe tecniche mentali hanno pertanto un correlato neurofisiologico molto preciso. Josselin ha scoperto che l’amigdala nell’immagazzinare i ricordi eccita un gruppo di neuroni che rimangono attivi per un paio d’ore e poi iniziano a calare e dopo circa 6 ore lasciano spazio ad altri gruppi di neuroni su altri dati da immagazzinare; tuttavia stimolando i neuroni del primo engramma e di un altro a distanza di 24 ore, in concomitanza, richiamando l’uno si richiamava anche l’altro. In questo modo la fusione dei ricordi avviene anche se originariamente separata. Si potrebbe dunque dire che le tecniche mentali, con l’allenamento costante, stimolano gruppi di neuroni in modo da fondere i ricordi e renderli indimenticabili o se si preferisce automaticamente interconnessi. Tanto è vero che se si cerca, sempre con tecniche di optogenetica (segnale luminoso trasmesso attraverso una fibra ottica impiantata nel cervello), di separare i ricordi di due eventi avvenuti entra le 6 ore, si ha la compromissione della seconda memoria, dimostrando che sono necessariamente connesse.

Quali conseguenze derivano dalle ultime ricerche sulla memoria?
Innanzitutto è certo che ogni evento mentale ha un suo correlato neurofisiologico; in secondo luogo che gli stimoli, purché significativi, eccitano dati gruppi di neuroni che funzionano accoppiati ad esperienze diverse, ma vicine nel tempo; infine che l’associazione emotiva (grado di attenzione allo stimolo e sensazione emotiva correlata) rendono i ricordi meglio memorabili, dando così ragione alle tecniche mnemoniche sviluppate da Pico Della Mirandola, da Gianni Golfera o da altri eccezionali mnemonisti.
Infine, possiamo iniziare a pensare che gli esperimenti sulle Ricerche Psichiche a caccia di prove dell’ESP potrebbero essere strutturati tenendo conto del doppio fattore (parola ed emozione – amigdala e ippocampo) allenando i sensitivi a “memorizzare” le esperienze positive per continuare a produrle superando il ben noto effetto declino nelle prove contro il caso.

Per saperne di più:
Matteo Salvo. Il segreto di una memoria prodigiosa, Gribaudo ed.
Gianni Golfera. La memoria emotiva. Sperling & Kupfer
Pierangelo Garzia, Gianni Golfera, Edoardo Rosati. Il grande libro della memoria. Sperling & Kupfer
Un articolo sulla memoria di Pierangelo Garzia: www.karmanews.it/382/golfera-sulla-memoria-e-giordano-bruno/

 

di  - domenica 11 settembre 2016
 
 


 

 

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

Home
Home
Contatti
Contatti
Info
Info



diventa socio aism

Lingua
News Convegni
Ricerca psichica: una scienza di frontiera
Bologna, 1° Dicembre 2018
News Conferenze
Conferenza 23 novembre 2018
IL BISOGNO DI PENSARE NEL GIOCO COSMICO DELL'UOMO
La Rivista
Rivista Metapsichica 2016-2017
Disponibile la nuova edizione della rivista Metapsichica Anno 2016-2017 - Vol. 50
News Articoli
VIAGGIO NELLA MEMORIA
di Giorgio Cozzi
UNA NUOVA VIA PER LA RICERCA PSICHICA
di Giorgio Cozzi
E SE IL NOSTRO UNIVERSO FOSSE SOLO UNO DEI TANTI?
di Sergio Ragaini
LA POTENZA DELLA PREGHIERA SULLA SALUTE
di Elena Greggia
COSMOS
di Giorgio Cozzi
I SEGRETI DELLA GRANDE PIRAMIDE
di Giorgio Cozzi
GLI INFINITI SPAZI DELLA MENTE
di Giorgio Cozzi
UNO, CENTOMILA E OLTRE
di Giorgio Cozzi
E SE TUTTO FOSSE GIÀ SUCCESSO?
di Giorgio Cozzi
I ROBOT LEGGONO NEL PENSIERO?
di Giorgio Cozzi
LA MENTE PUÒ INFLUIRE SULLA MATERIA?
di Giorgio Cozzi
L’UOMO A TRE VELOCITÀ
di Giorgio Cozzi
LA INFOVISIONE
di Giorgio Cozzi
DIALOGO IMPROBABILE CON MARCO MARGNELLI
di Patrizia Gioia
DUE GRANDI DELLA PSICOLOGIA TRANSPERSONALE: GROF E ROQUET
di Bruno Severi
MATERIALIZZAZIONI DI CORPI SPIRITUALI.
di Salvatore Capo
POLTERGEIST: IL RITORNO DEI GHOSTBUSTERS
di Giorgio Cozzi
TELEPATIA: LE SPIEGAZIONI SCIENTIFICHE
di Sergio Ragaini
TELEPATIA PER DUE
di Giorgio Cozzi
NUOVI ORIZZONTI PER CIECHI O IPOVEDENTI. LA MENTE PERCETTIVA
di Elena Greggia
Server di Posta RISERVATO al direttivo di AISM associazione italiana scientifica di metapsichica
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

Sede legale: Via Domenichino, 12 - 20149 Milano c/o I.S.O.Srl Interventi Socio Organizzativi
 Sede operativa: via Garofani 21, 20089 Rozzano (MI) c/o Casa delle Associazioni

Incontri: tutti i lunedì dalle 15,00 alle 17,30

segreteria.aism@metapsichica.net 
TEL +39 3477223290  FAX +39 0293667105
design
e sviluppo by AISM
webmaster@metapsichica.net


Un ringraziamento particolare a Media10.it senza il cui supporto e contributo questo sito non avrebbe mai visto la luce.