Indice
Bibliografia
Chi siamo
Conferenze
Consulenza
Convegni
Corsi
Esperimenti
Metapedia
Pubblicazioni
Ricercatori
Storia
Link Ricercatori
Canale YouTube AISM-Metapsichica. Vedi video ultime conferenze!
S.O.S. TELEPATIA  -  BLOG DEL PRESIDENTE DI A.I.S.M.  -  DOTT.GIORGIO COZZI
LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA
Psichica - Scienza della Mente - Sito di Massimo Biondi e Giovanni Iannuzzo
PSYCHOMEDIA - Salute Mentale e Comunicazione - Il Primo Portale Italiano di Psichiatria  Psicologia  Psicoanalisi  Psicoterapia - On-line dal 25 Gennaio 1996
Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni


La Ricerca Psichica
Corso di parapsicologia


Dott.Felice Masi

A.I.S.M.  Associazione  Italiana  Scientifica  di  Metapsichica
Già Società Italiana di Metapsichica (S.I.M.) fondata a Roma il 26 maggio 1937 dai dottori
Emilio Servadio, Ferdinando Cazzamalli, Giovanni Schepis e Luigi Sanguineti. La parapsicologia (raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo.

ASSOCIATINewsArea-Riservata
HomeArchivio NewsArticoli NewsConferenzeRicercaMisteriSede-ROZZANO.MIBIBLIOTECA
RicercaRicerca AvanzataVersione stampabile
Il cervello e come usarlo meglio

Il cervello e come usarlo meglio

E’ il miglior pc che si possa immaginare. Non ci abbandona mai. Salvo quando decidiamo di maltrattare il suo hard disk. Di scombussolate i suoi software e le sue application. In fondo ha pure bisogno di poco. E neppure di batterie o elettricità. Si modifica continuamente. E, tenendolo in esercizio, espande la sua memoria Di cosa stiamo parlando? Avete indovinato: del nostro cervello. Del nostro pc naturale. Che, anzi, è molto di più e molto di meglio di qualsiasi pc esistente.

Non passa giorno senza che vi sia notizia di qualche nuova scoperta sulla struttura del cervello e sul suo funzionamento. E tutto ciò avviene da almeno vent’anni, da quando si annunciò il “decennio del cervello”. Da allora gli studi e le tecniche di indagine si sono sempre più perfezionati, grazie anche all’avvento di strumenti diagnostici come la tomografia computerizzata (Tc), la risonanza magnetica (Rm) e la tomografia ad emissione di positroni (Pet). Ma perché siamo così interessati a sapere come funziona il cervello?

La risposta è semplice. Non c’è persona che, in qualche momento della vita, non vorrebbe cambiare qualcosa di se stessa. E non solo nel fisico, ma anche dal punto di vista mentale. Essere più brillante e spigliata. Avere più memoria. Conoscere le lingue. Gestire meglio le emozioni e il rapporto con gli altri. Parlare bene in pubblico. E mille altri aspetti del funzionamento psichico e dei nostri comportamenti. Spesso guardiamo alla nostra mente e al suo substrato anatomico, il cervello, come a macchine da potenziare, perfezionare, stimolare. Questo è il motivo del successo di manuali, riviste, corsi e giochi elettronici per “allenare” il cervello.

Alla base di tutto ciò c’è spesso una nozione che, per quanto seducente, è falsa: usiamo il 10 per cento delle capacità del nostro cervello. Da cui la logica considerazione: immaginate cosa potremmo fare se sviluppassimo, non dico quel 90 per cento inutilizzato, ma anche soltanto un 30 per cento in più. In realtà, ognuno di noi utilizza “tutto” il suo cervello. A meno che non sia danneggiato a seguito di malattie, incidenti o forme di intossicazione. Il problema quindi non è “quanto” cervello utilizziamo nella nostra vita ma, piuttosto, “come” lo utilizziamo. E questo è legato non solo alla nostra componente genetica ma all’influenza dell’ambiente in cui siamo cresciuti, siamo stati educati, abbiamo studiato. La stimolazione della mente del bambino, fin dai primi anni di vita, si dimostra sempre più determinate per il suo successivo sviluppo mentale.

Ma anche qui vi sono miti da sfatare, grazie alle conoscenze che psicologi e neuroscienziati accumulano di giorno in giorno. Per stimolare la mente del bambino, non è necessario sottoporlo a cose particolari e, diciamolo, spesso dettate dall’ambizione dei genitori di creare così un piccolo genio. Scorrazzare un bambino da un corso di nuoto a uno di musica, da una palestra per arti marziali al laboratorio linguistico, a volte è il modo migliore per farne un pargolo stressato e infelice. Gli studiosi notano che andando a studiare le biografie di personaggi famosi nella scienza o nell’arte, pur avendo essi condotto una infanzia del tutto normale, magari davanti alla tv, immersi nei fumetti o giocando semplicemente con gli amici, molti sono comunque diventati quello che sono oggi. Persino i tanto vituperati videogiochi, secondo le ricerche, se usati senza farne una mania, sono utili per stimolare la concentrazione, l’attenzione e la velocità di pensiero. Tanto che, alcune varianti, sono persino usate in campo neuropsicologico per la riabilitazione a seguito di danni cerebrali.

Siamo soliti pensare alle cose più strane per far funzionare meglio il nostro cervello, e meno alle attività più banali. Eppure, nel corso dei secoli, ci sono stati geni, grandi artisti, scienziati, pensatori, eccelsi scrittori, che poco o nulla sapevano delle scoperte attuali sul cervello. Cosa facevano, dunque, per farlo funzionare bene? Cose banali, probabilmente. Tra cui, alternare l’attività mentale con quella fisica. Non solo sport, ma anche semplici, lunghe passeggiate. Non a caso i filosofi greci erano definiti “peripatetici”: affrontavano i grandi temi del pensiero, camminando. Infatti, il cervello funziona meglio se non siamo sedentari. Per un semplice fatto, il cuore funziona meglio e, di conseguenza, arrivano più sangue e ossigeno al cervello. Il modo migliore per preservare il cervello dall’invecchiamento è quello di associare al lavoro mentale una attività fisica regolare. E non è necessario esagerare in palestra: sarebbero sufficienti anche trenta minuti di camminata di buon passo, più volte la settimana.

Questa rubrica vi aggiornerà su una serie di aspetti, come quelli che abbiamo accennato, nel multiforme universo delle scienze del cervello e della mente. Per vivere meglio. Ma pure per studiare, memorizzare e apprendere con più efficacia e minor fatica.

Pierangelo Garzia

Pierangelo Garzia è science writer e si occupa di tematiche relative alle neuroscienze. Ha collaborato e collabora con testate nazionali, tra cui “D La Repubblica delle donne”, “Le Scienze”, “Mente & Cervello”. Ha collaborato, sia per la rivista che per il portale internet, con “Psychologies” del gruppo Hachette e con il Sole24ore.com. Sugli intrecci tra cultura e scienze del cervello, collabora con la rivista internazionale “Cartier Art Dossier”. E’ coautore di “La memoria emotiva” e “Il grande libro della memoria” (entrambi editi da Sperling & Kupfer). E’ responsabile dell’Ufficio Stampa e Comunicazione dell’Irccs Istituto Auxologico Italiano, centro di cura e ricerca medica di rilievo europeo.

Fonte: http://www.bresciadomani.net/?p=6121



 

 

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

Home
Home
Contatti
Contatti
Info
Info



diventa socio aism

Lingua
News Conferenze
Programma Conferenze AISM Rozzano Primavera 2019
La Rivista
Disponibile la nuova edizione della rivista Metapsichica Anno 2018 - Vol. 51
News Articoli
VIAGGIO NELLA MEMORIA
di Giorgio Cozzi
UNA NUOVA VIA PER LA RICERCA PSICHICA
di Giorgio Cozzi
E SE IL NOSTRO UNIVERSO FOSSE SOLO UNO DEI TANTI?
di Sergio Ragaini
LA POTENZA DELLA PREGHIERA SULLA SALUTE
di Elena Greggia
COSMOS
di Giorgio Cozzi
I SEGRETI DELLA GRANDE PIRAMIDE
di Giorgio Cozzi
GLI INFINITI SPAZI DELLA MENTE
di Giorgio Cozzi
UNO, CENTOMILA E OLTRE
di Giorgio Cozzi
E SE TUTTO FOSSE GIÀ SUCCESSO?
di Giorgio Cozzi
I ROBOT LEGGONO NEL PENSIERO?
di Giorgio Cozzi
LA MENTE PUÒ INFLUIRE SULLA MATERIA?
di Giorgio Cozzi
L’UOMO A TRE VELOCITÀ
di Giorgio Cozzi
LA INFOVISIONE
di Giorgio Cozzi
DIALOGO IMPROBABILE CON MARCO MARGNELLI
di Patrizia Gioia
DUE GRANDI DELLA PSICOLOGIA TRANSPERSONALE: GROF E ROQUET
di Bruno Severi
MATERIALIZZAZIONI DI CORPI SPIRITUALI.
di Salvatore Capo
POLTERGEIST: IL RITORNO DEI GHOSTBUSTERS
di Giorgio Cozzi
TELEPATIA: LE SPIEGAZIONI SCIENTIFICHE
di Sergio Ragaini
TELEPATIA PER DUE
di Giorgio Cozzi
NUOVI ORIZZONTI PER CIECHI O IPOVEDENTI. LA MENTE PERCETTIVA
di Elena Greggia
Server di Posta RISERVATO al direttivo di AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

Sede legale: Via Domenichino, 12 - 20149 Milano c/o I.S.O.Srl Interventi Socio Organizzativi
 Sede operativa: via Garofani 21, 20089 Rozzano (MI) c/o Casa delle Associazioni

Incontri: tutti i lunedì dalle 15,00 alle 17,30

segreteria.aism@metapsichica.net 
TEL +39 3477223290  FAX +39 0293667105
design
e sviluppo by AISM
webmaster@metapsichica.net


Un ringraziamento particolare a Media10.it senza il cui supporto e contributo questo sito non avrebbe mai visto la luce.