Indice
Bibliografia
Chi siamo
Conferenze
Consulenza
Convegni
Corsi
Esperimenti
Metapedia
Pubblicazioni
Ricercatori
Storia
Link Ricercatori
Canale YouTube AISM-Metapsichica. Vedi video ultime conferenze!
S.O.S. TELEPATIA  -  BLOG DEL PRESIDENTE DI A.I.S.M.  -  DOTT.GIORGIO COZZI
LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA
Psichica - Scienza della Mente - Sito di Massimo Biondi e Giovanni Iannuzzo
PSYCHOMEDIA - Salute Mentale e Comunicazione - Il Primo Portale Italiano di Psichiatria  Psicologia  Psicoanalisi  Psicoterapia - On-line dal 25 Gennaio 1996
Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni


La Ricerca Psichica
Corso di parapsicologia


Dott.Felice Masi

A.I.S.M.  Associazione  Italiana  Scientifica  di  Metapsichica
Già Società Italiana di Metapsichica (S.I.M.) fondata a Roma il 26 maggio 1937 dai dottori
Emilio Servadio, Ferdinando Cazzamalli, Giovanni Schepis e Luigi Sanguineti. La parapsicologia (raramente detta metapsichica) è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell'uomo.

ASSOCIATINewsArea-Riservata
HomeArchivio NewsArticoli NewsConferenzeRicercaMisteriSede-ROZZANO.MIBIBLIOTECA
RicercaRicerca AvanzataVersione stampabile
Metapsichica 1996

 

Summary
Interview to Francesco Alberoni

Professor Alberoni, well known Italian sociologist, believes that the emerging of a spiritualistic movement crossing the present society, can be considered a “generalised cultural movement”, which has became evident since it is a mass phenomenon.
There is a sort of “trip towards East” which shows an inclination for the eastern mystic world.
The popularization of the cultural movement is recognisable in the so-called New Age phenomenon, which at the present time possesses strong features of syncretism.
A certain fact is the progressive decline of Christianity, due to the structural rigidity of this religious model, dogmatic, which is not able to answer  the social request of participating in a process of spiritual evolution.
This spiritualistic current doesn’t bring about any social change yet, but  it arouses an “incubation period” which might also prelude to a different society.
There is an insurmountable break between science and religion. Nowadays in the scientific world there is a greater acceptance of one’s limitation. Spirituality is connected with a direct personal relationship. Parapsychology  seems a research field which is pertinent to philosophy, to religion, and it doesn’t find any way out on the scientific level.
Alberoni admits he has not the right sensitivity to understand the paranormal world, however he says he had the opportunity to know people who have shown clairvoyance and precognition, recognising the reality of their statements.
Parapsychology world seems to be perfectly real for one who lives it, feels it, for one who perceives it as personal sensations.
Anyway, this field of experiences will always be out of the reach of the scientific knowledge.
 
 

D.- Prof. Alberoni, si avverte la presenza di un movimento spiritualista che attraversa la società attuale. Secondo Lei, effettivamente assistiamo ad una sorta di "attrazione orientale" e qual è il suo pensiero in merito?
R.- Non c'è dubbio. È un movimento culturale generalizzato. Un tale movimento culturale era presente già negli anni ‘60 solo che era un feno-meno di élite, mentre ora è sicuramente di massa e come tale molto più evidente e percepibile.
La popolarizzazione dello yoga, la diffusione della pratica meditativa, la spinta del buddismo, i frammenti di Taoismo, sono certamente segnali presenti e diffusi nell'attuale società.
Esiste una sorta di "viaggio verso l'Oriente". Già negli anni '50-'60 si assisteva a molti pellegrinaggi in India, che oggi si sono certamente ancora più ampliati, divenendo più visibili e manifestando in modo più evidente questa predisposizione verso il mondo mistico orientale. La popolarizza-zione di questo movimento culturale è ravvisabile nel cosiddetto fenomeno del New Age e, a differenza del passato, ha connotati di maggiore sincreti-smo.
Naturalmente esistono grosse differenze fra il mondo culturale indiano e quello giapponese, per cui non si può considerare in modo pari-tetico l'orientamento verso quei Paesi e quelle culture o quei filoni mistici. Un fatto certo è dato dal progressivo declino del Cristianesimo teologico, dovuto alla rigidità strutturale di questo modello religioso, che non corri-sponde più alle culture evolute dei nostri tempi, più portate a partecipare ad un processo di evoluzione spirituale che a subire dogmi e vincoli.
Il movimento culturale spiritualista è in ascesa perché più forte, o è piuttosto la debolezza del Cristianesimo teologico che lo rende forte, in virtù della propria debolezza? La radice più pragmatica del modello "orientale" convince di più, si rivela più interessante e coerente rispetto alla specula-zione teorica tradizionale dell'occidente. In realtà l'approccio alla filosofia orientale è poi più apparente che reale, non c'è un abbandono del mondo, un ritiro; c'è piuttosto un uso di tecniche utili e pratiche. Così il Direttore Generale di una grande azienda, medita, fa zen, segue la New Age, ma rimane al suo posto con la sua barca e con i suoi accessori sociali moderni e materiali.
D.- Lei pensa che siamo di fronte a un vero movimento nascente, che potrà cambiare la società, un po’ come la "terza ondata" di Toffler?
R.- Parlerei piuttosto di incubazione. Non siamo di fronte ad un cambiamento. Ha poco spessore. Non è solo una moda. Non si assiste a vere scuole di pensiero, nemmeno nel senso della formazione. Cosa sboc-cerà? Forse qualcosa di più originale, ma per ora mi sembra ancora in una fase di incubazione.
Nel '60 una forte influenza orientale si evidenziò nei padri spirituali dei cosiddetti "figli dei fiori". Gli hippy furono un movimento, avevano l'aspetto da asceti, formavano comunità, svolgevano letture, canti, si ritiravano dal mondo, rinunciavano ai consumi e ai valori correnti, muovendosi su qual-che cosa di nuovo, di diverso, di rivoluzionario. Oggi l'intensità è molto minore, è vero che c'è più massa critica, che ne rende evidente la diffu-sione, tuttavia non sembra possedere quei caratteri tipici del vero movi-mento. Può essere un preludio ad una società diversa, ma appare più come un movimento culturale, in quanto non mette in gioco il Sé, la persona è coinvolta solo in parte, ha poco spessore culturale.
D.- Sul piano dei valori non le sembra che il movimento spiritualista proponga cambiamenti di stile, di approccio, di vita?
R.- Certo, questo movimento, che definisco culturale, per differen-ziarlo dal movimento nascente, rivoluzionario, apportatore di un nuovo modo di essere, che rende insopportabile l'attuale, si basa su un approccio pacifico-altruista, propone una vita di fratellanza, che era già presente nelle Religioni. Ad esempio il pietismo del '700-'800, le confessioni cristiane. Molti percorsi religiosi praticano questi valori.
D.- Il movimento spiritualista trascina con sé esperienze, vissuti, situazioni, che non vengono accettate dalla Scienza, Lei che cosa pensa in proposito?
R.- In realtà nel mondo scientifico c'è oggi una maggiore accettazione dei propri limiti, paragonabili alle frontiere del linguaggio, la necessità di definire semanticamente ciò che viene osservato per descriverlo. Lo scien-ziato tende ad accettare dalla Religione aspetti inspiegabili sul piano stret-tamente scientifico. La Scienza di per sé non ha Bene o Male : la medicina è anche veleno, il nucleare  ha effetti che dipendono dall'uso che se ne fa, ma la Scienza descrive, realizza, spiega, non fa per il Bene o per il Male. Entra pertanto in gioco tutta un'altra parte dell'esistenza, dove la Religione ha un suo ruolo ed è più accettata di quanto non appaia, con tutte le sue possibilità di orientamento. La spiritualità è connessa con un rapporto personale che coinvolge lo Scienziato come individuo, è un rapporto inef-fabile, non comunicabile con il linguaggio scientifico. C'è una frattura quasi cartesiana tra Scienza e Religione, insanabile.
D.- Lei personalmente che cosa pensa della dimensione paranor-male che sembra collegata a molte tecniche e pratiche insite nella filosofia orientale e negli studi sulle ricerche psichiche?
R.- Personalmente sono stupito di fronte a esperienze, vissuti, sensazioni, racconti, che si pongono al di là dell'approccio scientifico. Certo la Scienza dominante ha un suo linguaggio che chiude a eventi che non sono descrivibili dal suo proprio linguaggio. La Parapsicologia mi sembra un campo di indagine che perviene alla filosofia, alla religione, non trova sbocchi sul piano scientifico, è cosa diversa. La Scienza è un costrutto, è un pezzo dell'esperienza umana. L'universo dei significati trascende gli orizzonti della scienza, l'ombra della scienza che sta al di là non viene colta, osservata, descritta, è altra cosa.
Esiste un primo universo, scientifico, che è chiuso, coerente in sé stesso. Esistono altri universi, aperti, in cui i valori, i significati si evolvono. Contano di più i fini, i valori, in questo universo secondo, che non ha rapporti concettuali con il primo. La riflessione sui fini è altra cosa rispetto alla Scienza. La filosofia, la religione, l'arte, esprimono concetti esistenziali che sono più vicini alle espressioni tipicamente ricorrenti nei movimenti culturali, come quello spiritualista, che appare ancora in incubazione e senza lo spessore del movimento nascente.
D.- Lei ha avuto contatti o esperienze dirette col mondo paranor-male? Ha potuto formarsi un'idea precisa sulle qualità extrasensoriali?
R.- Personalmente no. Sono come un daltonico. Non ho la sensibilità giusta per cogliere questo mondo. Mia moglie al contrario, si. Lei ha avuto esperienze paranormali. Ha avuto contatti con sensitività ulteriori. Il mondo parapsicologico appare perfettamente reale a chi, come lei, lo vive, lo sente, lo avverte a livello di sensazioni personali. Io sono sensibile sul piano della filosofia e della religione, molto meno sul piano parapsicologico o scientifico in senso stretto. Ho conosciuto persone che hanno mostrato chiaroveggenze e precognizioni, constatando l'effettività delle dichiarazioni. Comunque questo campo di esperienze è al di fuori delle conoscenze scientifiche e rimarrà sempre fuori.
La scienza costruisce un grattacielo ed è cosciente solo di quello (non scorge il lago fuori, non lo considera, per lei non esiste), svolge il suo "grande gioco".
Effettivamente, pur essendo personalmente ottuso verso il mondo paranormale, ho potuto rilevare l'esistenza di persone che sanno pensare e dire ciò che altri stanno pensando. Non è un campo che ho approfondito, non ho la sensibilità giusta. Ho conosciuto persone che hanno tale sensibi-lità.
D.- Una conclusione sull'Amore in rapporto al movimento spiritualista, che sembra professarlo ed esserne pervaso? Ha qualche collegamento con la simpatia-empatia che sembra favorire l'estrinsecazione dei fenomeni paranormali?
R.- L'Amore nascente proietta l'uomo nella dimensione mistica. La scienza "salta" e si superano i limiti dei confini scientifici, dove tutto è possi-bile.



 

 

RINNOVA L'ISCRIZIONE ... DIVENTA SOCIO A.I.S.M.

Home
Home
Contatti
Contatti
Info
Info



diventa socio aism

Lingua
News Conferenze
Venerdì 5 aprile 2019 Francesca Pistollato
EPIGENETICA: La Scelta Consapevole Della Propria Realtà
Programma Conferenze AISM Rozzano Primavera 2019
La Rivista
Disponibile la nuova edizione della rivista Metapsichica Anno 2018 - Vol. 51
News Articoli
VIAGGIO NELLA MEMORIA
di Giorgio Cozzi
UNA NUOVA VIA PER LA RICERCA PSICHICA
di Giorgio Cozzi
E SE IL NOSTRO UNIVERSO FOSSE SOLO UNO DEI TANTI?
di Sergio Ragaini
LA POTENZA DELLA PREGHIERA SULLA SALUTE
di Elena Greggia
COSMOS
di Giorgio Cozzi
I SEGRETI DELLA GRANDE PIRAMIDE
di Giorgio Cozzi
GLI INFINITI SPAZI DELLA MENTE
di Giorgio Cozzi
UNO, CENTOMILA E OLTRE
di Giorgio Cozzi
E SE TUTTO FOSSE GIÀ SUCCESSO?
di Giorgio Cozzi
I ROBOT LEGGONO NEL PENSIERO?
di Giorgio Cozzi
Server di Posta RISERVATO al direttivo di AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

AISM associazione italiana scientifica di metapsichica

Sede legale: Via Domenichino, 12 - 20149 Milano c/o I.S.O.Srl Interventi Socio Organizzativi
 Sede operativa: via Garofani 21, 20089 Rozzano (MI) c/o Casa delle Associazioni

Incontri: tutti i lunedì dalle 15,00 alle 17,30

segreteria.aism@metapsichica.net 
TEL +39 3477223290  FAX +39 0293667105
design
e sviluppo by AISM
webmaster@metapsichica.net


Un ringraziamento particolare a Media10.it senza il cui supporto e contributo questo sito non avrebbe mai visto la luce.